25-31 luglio: GMG Cracovia 2016

folla-cracovia

“ Gesù desidera avvicinarsi alla vita di ciascuno e percorrere il nostro cammino fino in fondo, perché la sua vita e la nostra vita si incontrino davvero” ( Papa Francesco, nell’omelia della Messa conclusiva della GMG di Cracovia)

Carissime sorelle, di ritorno dalla GMG di Cracovia siamo felici di condividere con voi come questo “incontro” si sia fatto concreto per ognuna di noi. 

Il centro di evangelizzazione

Il centro di evangelizzazione

 

Come diverse di voi sanno, all’inizio del mese scorso è arrivato l’invito delle nostre sorelle della Polonia di raggiungerle per vivere insieme questa settimana di incontro del Papa con i giovani di tutto il mondo. Era recente anche per loro l’annuncio, da parte di uno dei vescovi responsabili dell’organizzazione e molto legato alla nostra spiritualità, che Frère Charles era stato scelto come figura guida del centro di evangelizzazione che sarebbe stato aperto già una settimana prima dell’inizio della GMG.

 

 

 

Il nostro stand al centro vocazionale

Il nostro stand al centro vocazionale

 

Così sotto un grande tendone da circo sono state accolte le reliquie di Fr Charles in un piccolo angolo-cappella in cui vi era l’esposizione durante l’intera giornata. Qui si sono tenuti tanti incontri e testimonianze specialmente durante i giorni che hanno preceduto l’arrivo del Papa.
Così, possiamo dire, Fr Charles ci ha invitate a “incontrare “più da vicino le nostre sorelle e vivere concretamente con loro questo momento speciale per Cracovia e per tutta la Polonia.
Il Papa già nella cerimonia di apertura ha più volte invitato ad aprire le porte all’altro, al diverso, a chi fugge dalla guerra, riportando più volte l’attenzione sulla drammatica situazione della Siria. Ci ha portato a riconoscere come il nostro ritrovarsi insieme, da tanti paesi diversi, alcuni persino in guerra tra loro, fosse una testimonianza concreta che vivere in pace è possibile e che colui che il mondo vuole mostrarci come nemico e troppo diverso è una persona come noi che desidera vivere la proprio vita come un dono: “Come un tempo per amare ed essere amati”.

Tanti incontri

Tanti incontri

Abbiamo trovato una città aperta e in attesa di tanti giovani pieni di energia provenienti da ogni angolo del mondo, e nel nostro piccolo anche noi ci siamo lasciate accogliere dalle nostre sorelle e dai vicini che ci hanno recuperato al nostro arrivo in pullman, ci hanno ospitato per dormire e hanno condiviso tante buone cose da mangiare.
“Siamo qui per celebrare e ringraziare per la nostra fede” ci ha ricordato il Papa nella cerimonia di apertura. Possiamo ritrovare in queste parole il senso di tanti momenti vissuti durante quei giorni.

 

Al campus Misericordiae prima della Messa col Papa

Al campus Misericordiae 

 

 

Come a tante altre congregazioni e associazioni ci è stata offerta la possibilità di avere un piccolo spazio all’interno del centro delle vocazioni accanto al parco Blonia in cui si sono svolti gli incontri con il Papa ad eccezione della Veglia e della Messa finale. Sono tanti i giovani e i religiosi che si sono fermati, per condividerci come Fratel Carlo sia stato importante nella loro vita e nel loro cammino spirituale, per portarci le notizie delle sorelle che conoscono nei loro paesi d’origine, o perché colpiti dalle mani tese di Gesù bambino davanti alle quali non potevano trattenersi dallo stringerle nelle loro.

Momenti della veglia

Momenti della veglia

 

Siamo tornate con la gioia nel cuore e tanta gratitudine per tutti i semi gettati di cui siamo state testimoni: tante parole e gesti di solidarietà che potevamo cogliere tra i giovani che si incontravano tra loro, e che si trovavano a condividere la fatica di restare lunghe ore sotto il sole, ad aspettare il pranzo, una doccia, o che la pioggia smettesse di cadere..il poter iniziare a vivere tra di loro la beatitudine della misericordia che cantavano nell’inno di questa GMG.

Un grande abbraccio e buon fine estate a ciascuna,
Sofia Miriam e Lara
indietro

Questa voce è stata pubblicata il 8 agosto 2016, in Attualità. Aggiungi il permalink ai segnalibri.