6 gennaio: anniversario primi voti di p. s.Jeanne

 

Beni Abbes

 

 

Il 6 gennaio 2014, a Tre Fontane,abbiamo festeggiato i 70 anni dei primi voti di piccola sorella Jeanne. E’ una delle prime piccole sorelle, quella che per tanti anni, è stata accanto a sorella Magdeleine, e che, con lei, ha percorso le strade del mondo per fondare tante piccole fraternità nei luoghi più abbandonati. Piccola sorella Jeanne è per noi tutte “la cofondatrice”, il sostegno di sorella Magdeleine fin dai primi anni della Fraternità. La Messa, un pasto insieme , e la sera una festa e tanti ricordi.

 

Racconta lei stessa il giorno dei suoi primi voti nel 1944:« Era il 3 gennaio 1944 nella casa del Tubet a Aix-en-Provence (La prima fraternità in Francia, la casa madre):Ero sola a fare professione quel giorrno, ma cera stato un piccolo gruppo che aveva fatto i voti il 14 settembre del 1943, tra cui piccola sorella Marguerite. Era il vescovo ausiliare di Aix che celebrava la Messa. …..Eravamo in quel periodo solo una dozzina di piccole sorelle. Si era in piena guerra. PS Magdeleine che non era potuta ripartire in Algeria percorreva la Francia facendo delle conferenze per far conoscere la Fraternità.»

Nel 1949 a 29 anni Jeanne è diventata la prima responsabile generale. Con sorella Magdeleine ha girato il mondo per fondare tante piccole fraternità in Africa, in Alaska, in Asia, nel Medio Oriente….. ed è stata vicina a sorella Magdeleine fino alla morte. Ora ha 94 anni.
Alla domanda sul perché era entrata in una congregazione che cominciava appena ricorda che ciò che l’affascinava era la persona e la vita di fratel Charles e l’amore per i popoli dell’Islam.

24- 1947, voti perpetui di p.s. Jeanne e MargueriteAlcuni avvenimenti che sorella Jeanne ha vissuto con sorella Magdeleine, dai diari di piccola sorella Magdeleine

Chambery,3 giugno 1945
Siamo tanto felici Piccola sorella Jeanne ed io per strada a fare l’autostop, lontane dalla città e da tutte le presone sagge che ci consigliano:”Prendete il treno…C’è una corriera alla tal ora, ecc…”. Penso sempre più che la nostra vita sarà quella di andare così, due a due, sulle strade e nei villaggi a fare amare il Signore dovunque passeremo.

31 dicembre 1945con gli indios
Parto per un giro nel deserto con piccola sorella Jeanne per andare a visitare il figlio di Beda, il piccolo Tahar, che è gravemente ammalato[………]Abbiamo almeno 55 chilometri da fare tra andata e ritorno,tutt’e due, piccola sorella Jeanne ed io, a dorso dello stesso cammello. Ci si domanda come si arriverà intatte, soprattutto quando Alì ci fa galoppare con una instancabile energia per poter arrivare a Sidi Boujnan prima del calar della notte…Galoppare in due su un cammello aggrappandosi l’una dietro l’altra per non cadere, è difficile!
Ci ricorderemo a lungo di questa galoppata!

Tunisi 17 aprile 1946
Ieri ho ritrovato a Tunisi Piccola sorella Jeanne di Gesù e le due altre piccole sorelle che sono arrivate da Sidi Boujnan per la fondazione di una fraternità di studi di arabo. Sono ospiti delle Suore di Sion che hanno generosamente aperto la loro casa per riceverle.[……]

con padre VoillaumeRoma,13 giugno 1947- Festa del Sacro Cuore
La messa per i voti perpetui viene celebrata alle 6,30 dal Padre Retif, davanti all’altare della Mater Admirabilis, a Trinità dei Monti, nella cappella delle religiose del Sacro Cuore. All’offertorio, Piccola Sorella Jeanne e Piccola Sorella Marguerite pronunciano i voti perpetui. Subito dopo la messa, arriva un telegramma da Aix. E’ l’annuncio della nostra erezione in congregazione diocesana, firmata lo stesso giorno della festa del Sacro cuore. Profonda è la nostra gioia di essere ora collegate ufficialmente con la Chiesa.

Nel deserto,27 febbraio1949
Oggi è il giorno della grande partenza della carovana….Il carico è difficile. Bisogna portare i rifornimenti per l’intero viaggio[…..]La spedizione può durare quattro o cinque settimane….[….]

generazioni

Parto con Piccola sorella Jeanne e altre tre piccole sorelle e in più Fratel Charlety dell’opera tedesca di Marsiglia, che avrà il titolo di secondo cammelliere e accompagnerà Cheikh ben Bahous, la nostra guida, e Ahmed, il cammelliere, con cinque cammelli.

Nel deserto, 9 marzo 1949
…..[….]Bisogna che Beni-Abbès sia per tutte le fraternità un centro di fervore e di ritiro, un centro dove andremo ad attingere gli insegnamenti del nostro Padre…un centro di adorazione dove non si offriranno soltanto i popoli dell’Islam ma il mondo intero…..[…..]

Les Saintes Maries de la Mer, 21 maggio1949

Grazie all’aiuto di tutti[…..]la roulotte, tutta rimessa a nuovo e rimorchiata da un camion da Marsiglia, si mette in moto non senza fatica da Aix e prende, verso le 13, la strada de Les Saintes Maries. Al momento della partenza, ci sono molti curiosi lungo il viale…Certamente, non avevano ancora mai visto delle religiose zingare… siamo in cinque con Piccola Sorella Jeanne ed io….

91 di sorella MagdeleineRoma,8 agosto 1949- Lettera a Padre Voillaume

Che gioia questa mattina l’udienza del santo Padre a Castel Gandolfo[…..]Poi sono state fatte entrare le Piccole Sorelle. Ha chiesto a ciascuna da quale Paese, da quale città proveniva. Ho presentato Piccola Sorella Jeanne di Gesù come quella destinata a sostituirmi. Le ha domandato:
Quanti anni ha?
Trenta.
E giovane! Ha detto guardandomi…
Gli ho risposto:
Invecchierà!…

in terra santa

Betlemme- Gerusalemme, 25 dicembre1949
Alle 2 del mattino, nella grotta dove nacque il Signore Gesù, Mons. de Provenchères celebra dunque la sua Messa, assistito dal Padre[Voillaume]. Sono mescolata tra la folla e, al momento dell’offertorio, la mano nella mano di piccola Sorella Jeanne di Gesù, le trasmetto la mia carica, [di superiora generale], in pieno accordo con Mons. de Provenchères e con il Padre…

In Terra Santa

indietro

Questa voce è stata pubblicata il 12 gennaio 2014, in Attualità. Aggiungi il permalink ai segnalibri.