Parola di Dio ed Eucarestia

Il Pane della Parola

Annot- Francia- adorazione«Bisogna cercare di impregnarci dello spirito di Gesù leggendo e rileggendo, meditando e rimeditando incessantemente le sue parole ed i suoi esempi: devono passare nelle nostre anime come la goccia d’acqua che cade e ricade su una pietra, sempre nello stesso posto». 

 Fratel Carlo,Lettera a Massignon, 22 luglio 1914

«Il Vangelo sarà il tuo tesoro. È il libro di vita che contienenozze di Cana- Rupnik la Scienza dell’Amore. Ne impregnerai la tua intelligenza ed il tuo cuore, per poter diventare in seguito, con la tua vita, una predicazione vivente del Vangelo, un Vangelo in atto».

 Piccola sorella Magdeleine, Bollettino verde

 

 

Bibbia e lampadaLa Bibbia, e in modo particolare il Vangelo, sono fonte di acqua viva. È qui che troviamo il Volto del Signore, la Sua presenza, quella stessa presenza che riconosciamo nell’Eucarestia, nelle persone che incontriamo e nella Chiesa.
Approfondiamo particolarmente la storia della salvezza nel periodo di formazione, soprattutto nel noviziato e nei due anni di studio della teologia, prima dell’impegno definitivo nella Fraternità.

Questo abbeverarci alla Parola di Dio continua poi per tutta la vita: in fraternità, in gruppi parrocchiali o presso famiglie amiche, in gruppi ecumenici, in sessioni speciali per sorelle di vari paesi.

La preghiera dei Salmi ci accompagna ogni giorno. E anche la stessa “rilettura di vita” che facciamo insieme èPortogallo- condivisione del vangelo illuminata dalla Parola.

 

Le riunioni che, almeno una volta all’anno, ci fanno incontrare tra sorelle dello stesso Paese, sono accompagnate da momenti forti di preghiera e di meditazione, dei quali la Bibbia è la sorgente.

   * * *

        Il Pane dell’Eucarestia

Tanzania- Arusha«Non c’è, credo, un altro passo del Vangelo che mi abbia impressionato di più e che abbia trasformato la mia vita più di questo: “Tutto quello che fate a uno di questi piccoli, lo fate a me”.  Se si pensa che queste parole sono quelle della Verità increata, quelle della bocca che ha detto “questo è il mio corpo… questo è il mio sangue”, con quanta forza si è portati a cercare e ad amare Gesù in “questi piccoli”, questi peccatori, questi poveri».

Fratel Carlo, Lettera a Louis Massignon, 1 agosto 1916

«Le piccole sorelle si lasceranno configurare a Gesù nel suo atteggiamento di adorazione, di ringraziamento, d’intercessione e di dono totale di se stesso. La partecipazione al sacrificio eucaristico e la preghiera centrata su Gesù presente nell’Eucarestia esprimono l’aspetto essenziale della missione lasciata loro da fratel Carlo di Gesù.  (Costituzioni)

                                              

L’Eucarestia è il dono che Dio ci fa per restare con noi in modo semplice, quotidiano, nella forma del pane. Polonia- EucarestiaNell’Eucarestia Gesù, per noi e con noi, ringrazia il Padre, si offre a Lui e a Lui offre le nostre piccole vite, le gioie e le sofferenze, che ai Suoi occhi sono preziose. Nell’Eucarestia Gesù ci unisce alla sua passione e resurrezione e prende ogni giorno su di sé l’umanità intera.

 

Quando siamo davanti al tabernacolo o quando partecipiamo alla Lunapark Ostia- Messa all'autoscontroMessa impariamo da Lui a diventare un dono, ad offrire tutti i nostri vicini e amici al Padre, a intercedere per tutti, a parlare con Gesù delle persone, degli avvenimenti, di ciò che segna la nostra vita.A volte nella nostra cappella o nel luogo di lavoro, i vicini si uniscono a noi nella preghiera o nella celebrazione della Messa.