27 marzo: visita dei giovani dell’Azione Cattolica Internazionale

Il pomeriggio del 27 aprile la nostra fraternità del Luna-park ha accolto una delegazione internazionale di giovani appartenenti all’Azione Cattolica.

Roma, in questi giorni, fa da cornice al meeting internazionale dell’Associazione che, in Italia, festeggia il 150esimo anniversario della sua fondazione.

La nostra fraternità è stata scelta per uno dei work-shop pomeridiani a causa della sua vocazione alla gioia, alla festa, alla condivisione con il “mondo”, spesso minoritario, dello spettacolo viaggiante e, per essere stata, una delle “periferie” visitate e amate da Papa Francesco.

La pioggia non ha permesso di far vedere le giostre in funzione, ma abbiamo potuto parlare del desiderio di portare gioia e bellezza, accoglienza e simpatia intorno a noi. Abbiamo potuto, altresì, condividere le gioie, le difficoltà, le speranze dei nostri vicini e amici. Tre adulti dell’Azione Cattolica della nostra parrocchia erano con noi. Barbara, del Bar accanto al nostro stand, ha messo a disposizione tavolini, dolci, caffè, tè e il suo grande schermo che ci ha permesso di rivedere la visita del Papa Francesco alle nostre carovane.

Abbiamo cercato di parlare del nostro mondo, del nostro essere una piccola “porta aperta”, del desiderio di accogliere e trasmettere qualcosa della luce e dell’amore del Risorto per ciascuno di noi. Eravamo Italiani, Argentini, Gabonesi, Moldavi, Francesi… e dovevamo tradurre in inglese! (Impresa non proprio immediata!). C’era con noi anche Massimo, dell’Azione Cattolica Ragazzi della diocesi di Albano, anche lui, “figlio” del Luna-park ora impiegato alla TV Sat 2000.

Una Messa all’autoscontro

Massimo ci ha parlato dei suoi nonni che giravano in Italia e all’estero con le giostre e le carovane e della sua esperienza di ragazzo delle giostre. Abbiamo ricordato con lui le amicizie comuni, le Messe all’autoscontro, i pellegrinaggi con p. Giuseppe Bigolaro in tanti santuari… gite piene di allegria e di fede.

Dopo una visita nei nostri luoghi di vita e di lavoro abbiamo terminato l’incontro con una piccola preghiera silenziosa nella nostra cappellina e una benedizione che sappiamo essere estesa a tutti coloro con i quali spezziamo la vita!

 

Questa voce è stata pubblicata il 29 aprile 2017, in Attualità. Aggiungi il permalink ai segnalibri.